Feeds:
Articoli

Posts Tagged ‘zeman’

Siamo a ridosso della fine dell’anno e come capita in molti settori anche nel calcio si iniziano a delineare dei primi consuntivi sull’andamento dei propri investimenti, proprie scelte ecc. Chiaramente accade anche nel calcio, ma risalire alle vere motivazioni non è sempre cosi’ semplice.

il_contatto_dainelli_tottiOggi, attirato da un Tweet che poneva l’accento su un argomento, mi sono messo ad approfondirlo. Il Tweet in questione raccontava come il figlio di Zeman, Karel, nel suo profilo Facebook avesse pubblicato una classifica della Serie A “depurata” dagli errori arbitrali più netti. Questo ovviamente è sempre un argomento molto soggettivo, è quindi necessario cercare più fonti per avere un resoconto più veritiero possibile. Cosi’ ho fatto.

Tralasciando il figlio di Zeman, che mi pareva assai di parte 🙂 sono andato alla ricerca di altri documenti e qualcosa ho trovato… quel qualcosa andava difatti a ribadire quanto sollevato dal Karel Zeman (che ricordiamo essere pure lui un allenatore, quindi del settore).

E’ su un sito dedicato alle scommesse (quindi non di parte) che ho trovato il primo documento interessante. Loro fanno ricerche settimanali ed hanno stilato anche una classifica generale. L’articolo a cui mi riferisco è questo e riporta, brevemente, sia la situazione dell’ultima giornata (la 17) che la classifica completa al netto degli errori.

“E’ la Roma la squadra più penalizzata dagli arbitri in questa 17° giornata di campionato. Due gli errori arbitrali gravi, entrambi nel secondo tempo: prima Totti anticipa Dainelli che lo scalcia, primo rigore non dato. Sul finire di gara Guana atterra Balzaretti, secondo rigore non dato dall’arbitro Bergonzi. Per il resto turno tranquillo, solo due gli altri episodi dubbi, uno a Udine per un rigore non dato su Ilicic e l’altro, meno evidente, a Roma dove l’Inter reclama un rigore per una trattenuta di Ciani su Ranocchia.” (da Superscommesse.it)

Classifica Serie A senza errori arbitrali

Il Chievo continua ad avere grandi fortune arbitrali portandosi ad un saldo di + 7 nella classifica senza errori arbitrali 2012. I veronesi diventano la squadrà più avvantaggiata del campionato superando la Juventus ed il Milan. Sono addirittura 7 i punti in più per il Chievo contro i 4 dei bianconeri e 5 dei rossoneri. La Roma di Zeman, invece, guida la classifica delle penalizzate con ben 6 punti in meno rispetto a quanti le spetterebbero Senza errori arbitrali i giallorossi sarebbero la prima inseguitrice della Juventus in piena zona Champions.

CLASSIFICA SENZA ERRORI ARBITRALI 2012 

(Squadra – Punti virtuali – Punti reali – Saldo):

Juventus 37 – 41 (+4)
Roma 35 – 29 (-6)
Inter 32 – 34 (+2)
Fiorentina 32 – 32 (0)
Napoli 30 – 33 (+2)
Lazio 30 – 33 (+3)
Catania 28 – 25 (-3)
Parma 26 – 23 (-3)
Atalanta 23 – 21 (-2)
Udinese 22 – 23 (+1)
Milan 22 – 27 (+5)
Torino 18 – 16 (-2)
Bologna 18 – 18 (0)
Sampdoria 17 – 18 (-1)
Palermo 17 – 15 (-2)
Chievo 14 – 21 (+7)
Pescara 14 – 14 (0)
Cagliari 13 – 16 (+3)
Siena 11 – 10 (-1)
Genoa 11 – 13 (+2)

(da Superscommesse.it)

A riprova di quanto affermato da Superscommesse.it c’e’ anche il dato riguardante i calci di rigore che ho verificato io stesso. Il Chievo è, insieme a Parma, Juventus e Cagliari la squadra che ha ricevuto più rigori a favore, ma tra queste è l’unica a non aver ricevuto nemmeno un rigore contro. C’é anche il Napoli che non ha ricevuto nemmeno un rigore contro, ma ne ha ricevuto uno meno a favore rispetto al Chievo.

Altra Classifica da altra fonte

Continuando la ricerca, ho trovato quella trasmessa su Retenova di Lecco (anche qui non una fonte vicina alla Roma, in quanto trasmette in Lombardia, Piemonte, Parma e Piacenza) all’interno della trasmissione sportiva “NOVASTADIO“. La puntata di Mercoledi’ 19 con ospite Enzo Gambaro a cui si fa riferimento per la classifica in questione, che viene poi riportata all’interno del loro account Twitter precisamente in questo tweet.

Tale stralcio di classifica ripulita da errori arbitrali recita:
– Juve e Roma 36
– Napoli, Lazio e Fiorentina 31
– Inter 29
– Milan 22

(da Novastadio)

Conclusioni

In molti tra i simpatizzanti romanisti commentano “arrabbiati”, in molti altri si dicono “non stupiti” in quanto si aspettavano un trattamento del genere fin da inizio campionato. “Una squadra che si ripresenta con Zeman e Baldini cosa poteva sperare dal Palazzo…”. Magari è un caso, magari i fatti si compenseranno a fine anno, ma chi recita questa frase come se fosse un comportamento prevenuto, in qualche modo atteso proprio per la presenza degli scomodi Zeman e Baldini, come convincerli del contrario?

Ovviamente non è solo la Roma ad essere “toccata” dalla scarsità di arbitraggi e Lega “dilettante”. Salta agli occhi come sia miseramente fallito l’esperimento degli arbitri di linea, i cosiddetti “ausiliari”. Ma sinceramente pensare che davvero l’associazione di due personaggi “scottanti” possa generare un trattamento chiamiamolo “poco di riguardo”, fa venire in mente fantasmi del passato di cui tutti faremmo tranquillamente a meno, per il bene del calcio in primis.

Read Full Post »

Una mattina ascoltando in radio opinionisti portatori di verità, mi sono messo a riflettere su quali e quanti fossero i gol che la Roma ha subito “alla Zeman”. Secondo gli opinionisti in questione (di cui volutamente ometto il nome) questa difesa “ballerina” era continuamente a rischio di “imbucata”, di contropiede… un qualcosa a cui doveva porre rimedio Zeman, velocemente per non far affondare irrimediabilmente la Roma.

Pensavo, pensavo, pensavo… niente, non mi viene in mente un gol subito avente le caratteristiche ad esempio di molti che invece subivamo lo scorso anno con Luis Enrique. Allora prendo il calendario e su Youtube mi metto a riguardare alcuni gol di cui non ricordavo perfettamente lo svolgimento. Mi doto di lapis e foglio e prendo appunti sui tipi di gol… bene, forse e dico forse, gol di quel tipo (definiti dagli opinionisti “alla Zeman”) ne ho trovato UNO, SOLO UNO, fatto a Torino dalla Juve per il 3-0.

Ma allora?
Per chi snobberebbe questa mia dichiarazione, riporto di seguito NEL DETTAGLIO, TUTTI I GOL SUBITI raggruppati per tipologia. Sono tutti causati da altro, non certo dalla difesa alta che vuole (o meglio vorrebbe) Zeman, di fuorigioco errati, di “palle scoperte” attaccate invece di scappare… ripeto, ma allora? La Roma è veramente una delle peggiori difese, ma a chi o cosa attribuiamo questa difesa pessima che i numeri raccontano?
Bene, a mio avviso la risposta è molto più semplice da inquadrare di quanto si pensi… ma ovviamente non di immediata risoluzione. Soprattutto non è una difesa colabrodo causata dai metodi antichi di Zeman, o spregiudicati, o quello che volete.

La risposta per me è semplice… basta riflettere su chi sono stati i componenti della difesa della Roma. Ovvero giovanissimi, che non hanno mai giocato insieme prima d’ora, ma sopratutto che non hanno mai giocato in Italia prima d’ora. Per un brasiliano (o sudamericano) la tattica esasperata che abbiamo in Italia è qualcosa di nuovo. Il pressing che spesso subisci fin dalla tua area. Allenatori che studiano “trucchetti” per far fruttare ogni piccola indecisione… tutto nuovo. Finche’ è solo uno messo in una difesa collaudata puo’ anche passare senza grandi danni. Ma se sono 3 o 4/5, la risposta è chiara e inevitabile. Il tempo che serve per imparare è soggettivo… ma quando la qualità di base è quella di Leandro Castan, quella di Marquinhos, quella di Dodò… ma, a mio avviso, anche quella di Piris, attenderli è obbligo… e per velocizzare l’unico modo è farli giocare il più possibile.

Ma torniamo alla tipologia di gol subiti… ecco come li ho raggruppati:

Ad oggi abbiamo subito 23 gol, così:
– 1 su punizione (Pirlo, ci sarebbe anche quella del derby ma l’ho messa nelle papere)
– 2 su rigore (Juve e Udinese)
– 1 su tiro da fuori area (Genoa)
– 2 rocamboleschi (Cassano e pozza a Parma),
– 3 papere dei portieri (Bologna Stek e Burdisso che si scontrano, Samp e punizione del Derby)
– 7 papere dei difensori (4 Piris: due Bologna uno Udinese e uno derby, 1 Osvaldo con Udinese, 1 Dodo col Parma, 1 Taxy col Genoa)
– 3 per errori arbitri (i 2 col Catania e 1 del Palermo sul 4-0)

Ne restano 4 che sono 1 gol derby, 1 del Parma (entrambi nella melma), 2 della Juve (il 3-0 e il 4-1)…
ma gli unici che possono essere causa della difesa mal piazzata, sono i due della Juventus su azione ovvero il terzo e quarto, imbucata il primo e potrebbe essere un contropiede l’altro. Stop.

Niente schemi di Zeman errati. Niente atteggiamento spericolato. Solo sbagli clamorosi dei singoli o casuali o bravura altrui.
Riscontrate pure il tutto… e smettete di dire inesattezze, grazie.

Read Full Post »

Il Capitano

ZemanHo conosciuto recentemente questo artista, Marco, che realizza delle caricature (e non solo) che trovo fantastiche. Sono moderne, simpatiche, ben fatte, attente all’attualità ed ai dettagli… mi piace proprio. Per questo ho pensato di fare un post dove raccolgo alcuni dei suoi lavori che ci riguardano, ovvero che riguardano la AS ROMA… ma lui ovviamente disegna di tutto, ma molto appassionato di calcio, sono spassose quelle di calciatori e personaggi di questo mondo. Disegna vignette anche per il sito di Gianluca Di Marzio… tra le altre. De Rossi

Mi sono talmente innamorato dei suoi lavori, che non mi sono voluto negare la possibilità di averne delle mie personalizzate. Lo abbiamo quindi contattato ed abbiamo ordinato un restyling di una nostra mascotte, quella del sito dove lavoro e per il quale sono responsabile dei contenuti e delle strategie di comunicazione (si dice cosi’ vero? 😉 Abbiamo cosi’ ordinato un nuovo “FreeMan”, che sarebbe la mascotte di Freeonline.it, il sito che dicevo. In questo momento è in lavorazione ma sarà pronta a breve. Marco Sias si chiama il ragazzo che disegna. Mi sento di raccomandarlo, oltre che per la bravura anche per la disponibilità e la professionalità. Chi interessato trova esempi di altri lavori e recapit al suo Facebook.

Per i maligni è bene precisarlo… non ho ottenuto sconti o favori per “raccomandarlo” eh?! Semplicemente lo merita 🙂

Florenzi

Balzaretti

Mattia Destro

Read Full Post »

Ci siamo. E’ arrivato il giorno che molti Juventini attendono da tempo: Zeman allo Juventus Stadium.
[Aggiornamento: integrazione commento dell’amico Juventino @barzainter a fondo articolo]

ZEMAN
Che Zeman non riesca proprio a non rispondere alla domande, seppur “rischiose”, lo sappiamo… quando poi tali domande sono poste ad arte per “sparare” titoloni riguardanti l’affaire Zeman-Juve, ti domandi il perchè non proprio riesca a non rispondere. Anche lui l’avrà capito, le interpretazioni date dai media alle sue parole vanno poi oltre l’intento originario, il reale significato di una frase. Il risultato è controproducente in primis per lui. Niente, Zeman è, a mio avviso, troppo corretto per fare 0-0 in conferenza stampa. Regolarmente i tifosi della Juve “cadono” nella rete e aumentano la rabbia che nutrono verso il Maestro. Fatti loro. Il clima rovente però sappiamo che tra tifosi è rischioso, il folle dietro l’angolo si può sempre trovare e bisogna fare il possibile per placarlo prima, prevenendo.

Il tifoso della Juve lo capisco, difende la propria squadra. Non lo capisco più quando va oltre il campo, ovvero quando l’offesa fatta con la “bava alla bocca” va a toccare l’uomo Zeman, gli ideali che propone e persegue, sia per il gioco sul campo che per il modo di pensare lo sport. Agli amici juventini chiedo spesso cosa non condividono del modo di intendere lo sport e gli ideali di gioco zemaniano… non ho mai ricevuto una risposta seria e convincente. Domando: ma forse vorreste il doping nel calcio? Vorreste partite truccate? Vorreste che un condannato per un reato serio (colpevole) non fosse punito con decisione? Forse allora, non vorreste vedere un calcio bello, veloce ed offensivo come cerca sempre di proporre Zeman? Non è giusto preparare i calciatori al massimo possibile con lavoro e sudore? Il fatto che dica “voglio vincere solo se me lo merito sul campo” è un concetto sbagliato? Fatemi sapere, ve ne prego.

CONTE
Dall’altra parte c’é un “simpaticone” di allenatore (ma c’é? Ne siamo sicuri? :-)) che risponde al nome di Antonio Conte. Tanto consapevole di essere un simpaticone, che fin dalle prime conferenze post-partita rilasciate da allenatore della Juve, Conte affermava “Sono antipatico perché vinco”. No no, non ti sminuire, sei antipatico, punto!

Conte è un tipo antipatico nei modi di fare, ma allo stesso tempo è un personaggio colorito al punto da far ridere davvero se l’accento viene posto nei punti giusti… e come sappiamo i tifosi non si fanno sfuggire questa opportunità. Gli striscioni per Antonio Conte sono veramente sfiziosi (a tal proposito, la maledetta nuova normativa ci priverà di tutto questo). Ne ho voluti raccogliere una serie per voi, che per comodità riporto solo in modo testuale…

I MIGLIORI STRISCIONI SU CONTE:
(altro…)

Read Full Post »

Lunedì 9 Luglio 2012 di sera, me ne stavo come sempre ben tranquillo a guardare una delle trasmissioni di calcio che seguo sul satellite: Lunedì di rigore (o Azzurro Italia, cambia nome d’estate) in onda sul network di Telelombardia.

Ad un tratto cambiano argomento e viene passato il breve stralcio della prima conferenza stampa di Zeman, dove parla degli scudetti della Juve con una battuta oramai già famosa. Tornano in studio e partono i commenti degli opinionisti, chiede la parola il giornalista Giulio Mola, uno degli ospiti abituali della trasmissione. Con tono “seccato” e quasi “balbettando” il sig. Mola, tra lo stupore dei colleghi presenti, inizia a farfugliare qualcosa su Zeman: “anche lui ha scheletri nell’armadio” – il conduttore lo incalza subito – “di cosa stai parlando?”, e lui, con parole difficili da riportare fedelmente perché frammentate e non chiarissime, continua affermando che avrebbe sentito dire da un qualcuno, in seguito identificando quel qualcuno come “alcune vedove di calciatori”, che esse avrebbero in pensiero (o lo avrebbero già fatto, non si è capito bene) di “denunciare Zeman” per le morti dei loro mariti. Il tifoso Juventino Marcello Chirico, anche lui ospite fisso della trasmissione e bianconero dichiarato, prende subito la palla al balzo esclamando “parli di pillole vero?” – Mola annuisce – “ah parla di pillole, vedi?!” – ribadisce Chirico.

Il conduttore a questo punto, magari intuendo la gravità di quanto Mola stava dicendo, cerca di spostare subito l’accento su altri aspetti delle dichiarazioni di Zeman, riguardo le quali debbo dire che gli altri ospiti in studio erano tutti dalla parte del boemo (riguardo le dichiarazioni sulla Juve, non per le presunte pillole).

(altro…)

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: